Condividi
BANKING

Banking: si preferisce il contante, ma l’e-banking ha un peso rilevante

2 Aprile 2019

Dall’indagine condotta su un campione di 6.000 persone tra i 18 e i 65 anni della community di Friendz appartenenti al target Italia Digital emerge che meno della metà degli intervistati ha attivato l’internet banking.

Come vengono pagati dunque gli acquisti online? 6 persone su 10 utilizzano una carta prepagata ricaricabile, seguita con un notevole stacco dalla carta di credito (25,0%) e dalle carte di debito (20,1%). È interessante notare come 1 intervistato su 20 chieda ad altri di fare acquisti online in sua vece.

Come si spiega questa tendenza alla cautela? La scarsa informazione è certamente un fattore determinante: 4 persone su 10 non sanno o non sono informate su come tutelarsi da eventuali truffe e/o furti online. Il 59,1% dei rispondenti dichiara di essere a conoscenza dei sistemi di tutela offerti da applicazioni o dalla banca che li rimborsa parzialmente o interamente, solo lo 0,9% dichiara di aver sottoscritto assicurazioni private.

Nella vita reale si continua a preferire il contante, che con più dell’80% si colloca al primo posto tra le preferenze degli italiani, con uno stacco netto sugli altri metodi di pagamento.
Escludendo chi paga unicamente in contanti, il 65% dei rispondenti si sente preoccupato dalla possibilità di vedersi sottrarre denaro a causa del pagamento attraverso metodi di pagamento alternativi.
Il dato che emerge sulla percezione del pericolo restituisce sicuramente uno specchio dell’attuale situazione dell’informazione sui sistemi di pagamento presenti oggi nel nostro paese.

3 intervistati su 10 hanno un app di mobile payment sul telefono, ma il 22,8% si sente poco tutelato e cerca di utilizzarle il meno possibile. Maggiore informazioni nel report!