Condividi
LUSSO

Lusso: meglio possedere o vivere un’esperienza?

3 Dicembre 2018

Il lusso è sicuramente un concetto complicato da definire, che varia da persona a persona e in base al periodo storico e al luogo in cui viviamo.

Sebbene in una società in continuo cambiamento come la nostra il lusso non evochi più gli stessi valori di una volta, questo viene tuttora considerato un asset che permette di differenziarsi dagli altri.


Come immaginano il lusso gli italiani di oggi?

Per scoprirlo, Friendz ha coinvolto un campione di oltre 18.000 persone e il risultato dell’analisi è frutto del lancio di una doppia survey.

I dati della doppia survey sono stati raccolti attraverso una ricerca somministrata tramite una campagna Friendz: per ampliare il bacino di intervistati, sono stati gli utenti stessi di Friendz a intervistare, a loro volta, persone al di fuori dell’app.

La ricerca si poneva come obiettivo quello di dare una nuova definizione di lusso, per verificare se fosse legata maggiormente al concetto di avere (Have) o al concetto di esperienza (Live). La seconda fase della survey, dal format differente e meno convenzionale, ha avuto lo scopo di validare o smentire le prime risposte raccolte tramite una ricerca tradizionale.


IL LUSSO A PRIMA VISTA: LA PUNTA DELL’ICEBERG

In una prima fase è stato chiesto agli utenti quale fosse la prima idea che veniva loro in mente pronunciando la parola “lusso”.

Nella top of mind degli intervistati il lusso risiede nel denaro e nella ricchezza, seguiti di pochi punti percentuali da beni di consumo quali auto sportive, gioielli, case da sogno, vestiti e accessori, yacht. Anche i brand citati spontaneamente fanno riferimento alle suddette categorie.

Dall’altro lato, solo l’8% del panel ha associato il termine “lusso” al concetto di esperienza, sia essa un viaggio, un momento di relax o semplicemente del tempo dedicato a sé stessi.


GUARDANDO PIÙ A FONDO: I VERI INSIGHT

A prima vista, quindi, have prevale su live: il lusso da avere è preferito al lusso da vivere.

Nella seconda parte della survey, più innovativa e ingaggiante, Friendz è andata più a fondo sull’argomento per validare i dati raccolti nella prima fase.

In questo caso è stato chiesto agli intervistati di scegliere un’immagine che associavano al lusso, aggiungendo un massimo di 5 tag testuali che ne descrivessero il contenuto e aiutassero a interpretare più facilmente il vero significato dato da ciascun utente.  

Questa procedura è stata attivata per evitare risposte impulsive e immediate, come nella prima fase della survey.


Dopo aver raccolto un totale di 896 immagini e 4412 tag, i risultati della survey hanno rivelato un sensibile capovolgimento dei risultati: sebbene le immagini rappresentassero perlopiù oggetti, più della metà degli utenti ha descritto questi contenuti utilizzando tag appartenenti alla sfera dell’esperienza, come viaggio, eleganza, relax, libertà, bellezza, unicità.



Questo esito inaspettato rivela la necessità da parte dei brand di rimodellare la loro offerta in modo da integrare prodotti di alta qualità con servizi che migliorino l’experience del consumatore, permettendogli di vivere il lusso, anziché semplicemente di possederlo.




Articoli recenti
FASHION, LUSSO
L’industria fashion: tendenze, brand, influencer